Nebbia.

I capelli bagnati di nebbia, appiccicati alla faccia, a creare una cornice corvina su un volto segnato. Segnato non tanto dai molti eventi, quanto dall’intensità di pochi. Un volto che è specchio di vita fin’ora vissuta, finchè ce n’è stata. 

Avanzi con passo sicuro, con l’aria di chi non ha paura di niente, ma da dentro si sente il rumore di spade. E’ una guerra primitiva e brutale, ma ad armi pari, tra quello che sei e quello che dovresti essere. Tutti potrebbero arrivare a un compromesso, senza troppe difficoltà: un sorriso di circostanza in faccia ed una frase fatta appuntata sul palmo della mano. E via. Tutti ma non tu, che non conosci mezze misure, che non sopporti le “belle impressioni” e gli abiti che fanno i monaci. Ma, guarda caso, ai monaci si mette sempre un vestito per farli riconoscere. 

Ferma questo massacro. Guardati intorno e impara a discernere le belle persone da quelle brutte. Riserva il meglio di te solo per chi lo merita davvero e tieni da parte il falso atteggiamento da falso buontempone per il resto. E questo non per non per evitare un dispiacere a qualcuno, ma per evitarlo a te stesso. Per sopravvivere in questo marasma di convenzioi e finti ribelli, per non avere mai niente da recriminare a te stesso. 

Almeno provaci a trovarti un posto.

Nebbia.ultima modifica: 2012-11-26T00:14:30+01:00da annairam92
Reposta per primo quest’articolo